Scroll to top
© 2019-2020, World Children - Bambini del mondo | Un progetto ideato e curato da Dan Romeo

World Children | Bambini del mondo

Laboratorio di informazione ed educazione sui temi della condizione dei bambini nel mondo attraverso un percorso di immagini e storytelling.

Un progetto ideato e curata da

Daniele Romeo - Fotografo Professionista Umanitario

Edizione 2019 in collaborazione con

Scuola Barolo Venaria - Opera Barolo

14 novembre 2019 // Scuola Barolo Venaria

I nostri bambini

I bambini dispongono dell’immaginazione, dell’energia e degli ideali necessari per rendere il mondo un luogo migliore per se stessi e per le generazioni future. Hanno il diritto e la responsabilità di farsi sentire e di dare il loro piccolo contributo, ma spesso, nella maggior parte dei casi non hanno la consapevolezza delle cose, non conoscono la realtà al di fuori del loro «mondo».

Probabilmente nessuno si è mai preso il tempo per spiegare loro come vanno le cose realmente nel mondo, o ancora peggio nessuno ha ancora speso del tempo per farli innamorare della bellezza del nostro mondo e accendere in loro il desiderio di conoscenza e il sogno di contribuire a renderlo migliore.

Soprattutto per quei 200 milioni di bambini sotto i cinque anni che ancora soffrono di malnutrizione e stenti a tutti i livelli. Bambini come quelli che vorremmo sensibilizzare con questo progetto.

Il nostro compito di genitori

Il nostro compito come genitori ed educatori è impegnativo ma può fare la differenza per i nostri bambini; può fare la differenza anche per le persone che ancora soffrono la fame, la mancanza di istruzione, le precarie condizioni igieniche e sanitarie.

È necessario informarli, mettere in comune le conoscenze, incoraggiarne la partecipazione, far loro comprendere che hanno un importante ruolo da svolgere, per far sì che un mondo «migliore» per milioni di bambini come loro, divenga una realtà.

Finché si può educare c’è speranza.

Un percorso informativo ed educativo per i bambini della Scuola Barolo

Un tema, un viaggio, una missione umanitaria, un territorio. Una narrazione basata su un percorso di immagini e sull’esperienza vissuta sul campo.  Uno storytelling che apre alla conoscenza e alla condivisione.